Novembre 05, 2002

Cannoli siciliani

Cosa sareste disposti a fare per un vassoio di cannoli siciliani?

Mi si è presentata poco tempo fa la seguente alternativa:
a) prendere l'aliscafo in tempo e rinunciare all'acquisto di un vassoio di cannoli
b) prendere un vassoio di cannoli siciliani e far attendere la partenza dell'aliscafo

Credo non avrete alcun dubbio sulla scelta che ho tenacemente deciso di intraprendere.

Per capire meglio la situazione cercherò di riassumervela.
Mancano 10 minuti all'arrivo dell'aliscafo. Non sono mai puntuali i treni e i bus al Nord, figuriamoci gli aliscafi al Sud, penso io (erroneamente).
Mi reco in pasticceria per acquistare dei cannoli siciliani freschi che mi aiuteranno nei giorni a seguire a sopportare meglio la lontananza da posti meravigliosi (le isole Egadi).
Il pasticcere, molto gentile, va in laboratorio per prepararmi i cannoli.
L'aliscafo arriva in tempo e le procedure di imbarco dei passeggeri sono molto rapide.
Invito il pasticcere ad affrettarsi altrimenti avrei dovuto lasciare l'isola senza cannoli. Il pasticcere capisce la gravità della situazione e mi tranquillizza ... signorì, non si preoccupi. L'aliscafo ce lo fermo io. Un attimo che finisco e la faccio accompagnare io al porto da qualcuno (probabilmente dal primo che sarebbe passato con un'auto).
Il vassoio di cannoli siciliani freschi (appena riempiti, si intende) è pronto; il fiocco che tiene chiusa la confezione è un pò arruffato, ma mi metto a correre (rifiutando il cortese invito di essere accompagnata al porto da "qualcuno") e arrivo ansimante al porto.
Mi ritrovo accolta dallo sguardo del capitano (in cuor suo sta dicendo "... la solita turista ritardataria ... e pensare che voglio andare a casa presto perchè mia moglie mi ha preparato i cannoli .. e li voglio mangiare freschi" ), mi sento circondata dai pescatori anziani che avranno visto la scena ripetersi più volte (e in cuor loro diranno "... la solita turista ritardataria ... e la solita scena che si ripete ... un pò come la tonnara ...") e infine sento gli applausi di coloro che trascorrono la maggior parte della loro giornata a zonzo, pagati forse dalla pro-loco per applaudire i turisti ritardatari.

Salgo sull'aliscafo. Dopo pochi minuti ritorna, purtroppo, la normalità. La normalità dei turisti che ritornano da un bellissimo fine settimana; la normalità di un vassoio di cannoli siciliani nelle mani di una turista; la normalità di un volo aereo in ritardo.

Sulla navetta che accompagna i passeggeri dall'imbarco al sottobordo dell'aereo mi scappa una battuta (dopo un ritardo di un'ora è ammessa): "potrei promettere all'equipaggio che se il volo parte senza ulteriori ritardi regalo a loro i cannoli siciliani". Sulla navetta c'è un pilota, non in servizio, che comunque apprezza l'idea.

L'aereo parte, l'aereo atterra, il pilota ricorda la promessa ... ma alla fine sono costretta a compiere un'azione che mai avrei pensato di dover fare in vita mia. Non mantenere l'impegno e tenermi i cannoli.

Voi cosa avreste fatto? :-)

Posted by Valentina Ambrosini at Novembre 5, 2002 03:59 PM