Febbraio 21, 2003

Le arbanelle

arbanelle.gif

Le "arbanelle" sono barattoli di vetro chiusi con un sottile sasso di ardesia, usati in Liguria per conservare le acciughe.

Le acciughe migliori sono quelle di Monterosso, infatti da metà giugno a fine luglio i pesci attraversano questo tratto di mare – caratterizzato da una particolare salinità – e le carni raggiungono il massimo valore per consistenza, sapore, gusto e contenuto di grassi.

Un’attenta lavorazione che integra sapere artigiano e tecnologia trasforma l’acciuga fresca in conserva mantenendone vivo il delicato e particolare sapore.
Le acciughe vengono pulite e sistemate in barili contenenti una soluzione salina, coperte e pressate da un peso, che diminuisce man mano che la stagionatura procede. Ci vogliono circa 3, 4 mesi – periodo in cui è necessario monitorare costantemente la concentrazione della salamoia, la temperatura e l’umidità dei locali – perché il prodotto sia pronto.

Le acciughe salate di Monterosso sono pronte per essere assaporate come antipasto semplicemente con una spruzzata di prezzemolo ed aglio tritati o per essere utilizzate nella preparazione di sughi o "condiggion", ricche insalate di verdure.

Il ristorante adatto dove farsi inebriare da queste prelibatezze è "Il Ciliegio", in località Beo (tel. 0187/817829), che peraltro offre pure interessanti primi piatti, come le trofiette al pesce spada o gli spaghetti con i muscoli, e secondi, dominati ovviamente dalle acciughe, ripiene e profumate al timo o sublimemente fritte nell’olio locale.

Se invece volete gustarle direttamente a casa vostra, si possono richiedere alla Cooperativa Acquacoltura Punta Mesco 5 Terre (Tel. 329.2126080).

A proposito di contenitori di Onesti Piaceri, le “arbanelle” si utilizzano anche per conservare la Robiola di Roccaverano stagionata con l’aggiunta di olio d’oliva e di alcune erbe aromatiche: rosmarino, lauro, pepe, origano oppure peperoncino.

Posted by Valentina Ambrosini at Febbraio 21, 2003 11:13 AM